Skip to Content

Vecchio Cervello Granata

 
 
 
 
di Nicola Ferraro
 
 
Non è il cuore che manca a questa squadra. È il cervello: per meglio dire, manca la capacità di leggere la gara, di imporre un predominio tattico, di essere camaleontica, imprevedibile.
Qui soltanto i pochissimi che potrebbero guardarsi soddisfatti l’ombelico non lo fanno e anzi hanno dipinta sul volto la preoccupazione e l’incredulità. Gli altri sembrano essere troppo soddisfatti di loro e del loro destino: sono capitati in una squadra blasonata, in una vetrina dalle luci che non si possono spegnere, in una compagnia di giro (il Toro) abituata ai teatri veri, mica alle scuole dove si va a recitare di fronte a scolari scettici e indifferenti per non morire di fame.

Riunione sabato 13 ottobre 2010 ore 18.00

 
 
 "L'importante è mettersi in cammino. Altrimenti non arriverai mai da nessuna parte. E passerai il resto della tua vita a disprezzarti perciò che avresti potuto essere e non sei  stato. La meta iniziale del viaggio rappresenta solo lo stimolo per partire." (Massimo Gramellini)  
 
 
 
Prossima riunione sabato 23 ottobre ore 18,00 presso SAPORI D'ITALIA in c.so Orbassano 402/6-Torino dopo la partita Torino-Frosinone. Cena prevista per le 19.30 per favorire chi viene da lontano. 
Prenotazione e conferma presenze entro il 18 ottobre.
Prezzo cena 25 €. Si può partecipare anche senza aderire alla cena. 

Le nostre lettere - Contestazione

 
di Dino Carella
 
 
Ciao fratelli granata, sabato durante la partita del Toro sono successe cose inaudite, tifosi che contestavano, nonostante la squdra vincesse, altri tifosi, altri che fischiavano e insultavano gridando "buffoni buffoni" chi contestava, alcune persone del CCTC in tribuna che inneggiavano siarpe e volantini oronero contro il Presidente, ricevendo così insulti dai tifosi in tribuna. Bambini e donne spaventati dalla contestazione (sentire da loro "pacifica"). Tutto questo mentre la partita proseguiva e i ragazzi cercavano di portare a casa 3 punti importanti per la classifica, ma soprattutto per il morale, dopo la figuraccia di Pescara.

Bianchi, Toro, vittoria e accuse incrociate - Commenti

La soluzione c’è e potrebbe rivelare chi è il vero “traditore”.
 
 
di Guido Regis *
 
 
Goal di Bianchi, il nostro capitano, l’unico personaggio che da tre anni ha dimostrato di comprendere ed incarnare in qualche modo il vero prototipo del calciatore da Toro.
Io stesso ne sono orgogliosamente stupito, so fare ammenda quando sbaglio, a differenza di molti.

Le nostre lettere - Sconfiggiamo la malattia!

 
 
di Andrea Morè
 
 
Mi sento un po' strano o forse no.
Non so se sono normale a trovarmi a  42 anni a svegliarmi e pensare al Toro, girare, lavorare, confrontarmi con i problemi quotidiani e continuamente come una ruota che batte colorare tutto il panorama dei miei pensieri in granata, mi addormento e soffro, penso come risolvere i problemi miei e quelli del Toro che beninteso nella logica della ricerca della verità tra le goccie di pioggia che si mischiano alle proprie lacrime, sono la stessa cosa.

News Red Bull 25/09/2010

Intanto noi di ToroMio abbiamo deciso di dare le informazioni direttamente senza farcele più carpire dalla stampa pubblicandole sul nostro sito appena ci giungono e così faremo fino a quando ci sarà possibile.
Le nostre fonti da Red Bull ci dicono che il Toro è stato messo nel piano di marketing per l’Italia per l’anno 2011. Questo vuole dire che è stato preso in considerazione dal management italiano e che se qualcosa verrà fatto, dopo il consenso della direzione internazionale,  sarà nel 2011. 

Dal Toro a ToroMio: tanti dubbi

 
          di 
Guido Caronia
Luciano Cavagnero
Giuseppe Frascarolo
Arianna Lucania
Pierpaolo Pesce
Guido Regis    
 
 
Oramai molti dovrebbero sapere che cos’è TOROMIO: è il tentativo di tifosi normali, non capi popolo o imprenditori importanti o miti granata, ripetiamo tifosi normali, di prendere per mano il Toro e accompagnarlo per prossimi anni partecipando attivamente a ciò che, volenti o nolenti, vive per merito nostro e dipende in tutto e per tutto dalla nostra perseveranza a resistere. 
Condividi contenuti